272 Gennaio 2022

Breve descrizione

La Fantasia K 397 e le Sonate K 330, 333 e 576 di Mozart interpretate da Andrea Bacchetti

More info

Prezzo di listino: € 11,00

Prezzo speciale: € 7,00

Disponibilità: Disponibile

Acquista

Acquista
O
NEL CD INEDITO

La Fantasia K 397 e le Sonate K 330, 333 e 576 di Mozart interpretate da Andrea Bacchetti

NELL'ALBUM

Il recital di Arturo Benedetti Michelangeli tenuto al Concorso Chopin di Varsavia

NELLA RIVISTA

ANTICIPAZIONI (Jean-Jacques Nattiez)

Il lato oscuro di Wagner: in occasione della Giornata della Memoria pubblichiamo in anteprima un'indagine del celebre semiologo canadese, che in un nuovo libro indaga senza sconti l'antisemitismo dell'autore del “Ring”.

LA REGISTA (Luca Baccolini)

A Palermo Emma Dante mette in scena “Les vêpres siciliennes” di Verdi nel trentennale delle stragi di mafia del 1992. “Non vedrete le cosche, ma le radici del pensiero mafioso”. E sullo streaming non ha dubbi: “Chi fa teatro non pensa ad altri mezzi di comunicazione”.

COMPLEANNI (Paolo Petazzi)

Il 5 gennaio Maurizio Pollini ha tagliato il traguardo degli ottant’anni. Ecco l'intervista-confessione, dall’infanzia nello studio dello zio, lo scultore Fausto Melotti, ai primi ascolti alla Scala. “Ho sempre suonato solo ciò che desideravo veramente. E penso ancora al futuro...”.

RISCOPERTE (Mauro Balestrazzi)

Quello fra il soprano Teresa Stolz e Giuseppe Verdi fu un rapporto alla luce del sole, tollerato anche da Giuseppina Strepponi, moglie del compositore. Un corpus di 200 lettere, trovato dagli eredi della cantante boema, permette di scavare in uno dei grandi misteri sentimentali della storia della musica. “Classic Voice” ha potuto esaminare l’unica relazione realizzata sul materiale, prima che venisse venduto.

IN COPERTINA (Paolo Locatelli)

Joyce DiDonato, mezzosoprano ecologista. Il suo nuovo album, “Eden”, è il primo disco dedicato alla salvaguardia dell'ambiente. “Durante il tour promozionale regalerò un seme a ciascun spettatore”. E intanto una scoperta scuote l'ambiente discografico: a inquinare di più non è il compact disc ma lo streaming.

IL CD ALLEGATO (Alex Pessotto)

Andrea Bacchetti racconta i suoi due pilastri musicali: “Di Bach ho inciso il secondo Libro del Clavicembalo, di Mozart ho già 13 concerti in repertorio. Ma non mi fermo qui”.

ALBUM (Vittorino Andreoli)

Viaggio nel cervello di Arturo Benedetti-Michelangeli. La sua infanzia viene analizzata da uno psichiatra d’eccezione: Vittorino Andreoli. Dalle aspettative esagerate dei genitori ai contatti azzerati con i coetanei, fino alla paura del pubblico, il “giudice” al quale il pianista accennava solo mezzo inchino.

QUARANTENNALI (Alex Pessotto)

Le quattro decadi della Filarmonica della Scala, una delle più felici intuizioni di Claudio Abbado, che nel 1982 la plasmò sul modello viennese, ma con un'anima italiana. I suoi storici professori d'orchestra raccontano quegli anni ruggenti.

STORIE (Bruno Bartolozzi)

Uno scandalo dimenticato: nel 1951 un clamoroso caso di censura interessò alcuni artisti sovietici in tour in Italia. Così Oistrakh e Gilel’s si videro revocato il permesso di soggiorno senza ricevere spiegazioni dal governo De Gasperi.

BALLETTO (Elisa Vaccarino)

Le creazioni dal vivo amano sempre più le coreografie “partecipate”: finita l'era dei fisici straordinari dei ballerini, ora la danza entra nelle sale espositive dei musei. E si fa opera d’arte.

RUBRICHE

La nuova rubrica Note d’autore, sugli scrittori e la musica, firmata da Marcello Nardis. Si parte con Ian McEwan. I grandi appuntamenti teatrali d'inizio 2022: “Kat'a Kabanova” all'Opera di Roma (regia di Richard Jones), “Tristan und Isolde” a Bari (Yannis Kokkos) e il nuovo “Capuleti e Montecchi” alla Scala. Su Rai Radio 3 Riccardo Chailly accosta le due “prime” di Beethoven e Mahler con la Filarmonica della Scala. I viaggi in Europa: a Berlino la nuova produzione di “Orfeo ed Euridice” di Gluck con la regia di Damiano Michieletto. E poi le recensioni di cd, dvd, libri e spettacoli (tra cui il "Macbeth” scaligero e il “Fidelio” fiorentino nel nuovo auditorium dedicato a Zubin Mehta giudicati da Alberto Mattioli e Cesare Orselli) firmate dai più autorevoli critici musicali, tra cui Paolo Petazzi, Carlo Fiore e Luca Chierici.