153 - Febbraio 2012

Breve descrizione

Chopin - Valzer e Preludi (Raccolte complete)

More info

Prezzo di listino: € 10,00

Prezzo speciale: € 7,00

Disponibilità: Disponibile

Acquista

Acquista
O
Nei 2 cd
Per interpretare i due momenti essenziali dell´itinerario chopiniano di queste raccolte complete, abbiamo scelto due pianisti di formazione e di generazioni diverse, l´uno russo, Vladimir Ashkenazy, interprete navigato che nel primo cd interpreta i Valzer op.18, 34, 42, 64, 69, 70 e op. postuma ; l´altro polacco, Rafal Blechacz, giovane vincitore del Concorso di Varsavia che nel secondo cd affronta i Preludi op. 28, 45 e op. postuma. L´ascoltatore troverà tutta la vertiginosa immaginazione musicale di Chopin.

Nella rivista
La cover story è dedicata alla prima intervista esclusiva via Twitter. Protagonista il violinista Ray Chen che grazie alla nuova piattaforma di microblogging risponde alle domande incrociate dell´intervistatore e di chi s´inserisce nel dialogo on line. L´inchiesta affronta il tema dell´attendibilità dei cartelloni, dove sempre più spesso la prassi di annunciare titoli e protagonisti prima di siglare contratti rende le locandine carta straccia. Per l´attualità siamo andati a Parigi, dove il centenario di Jules Massenet è confinato in un´unica rappresentazione operistica e in una mostra confinata ai margini di Palais Garnier: incredibile per un compositore fondamentale. Per il centenario di Celibidache un memorandum che onora la sintesi di culture incarnata dal direttore romeno. Chopin mondano e sperimentale, nei Valzer e nei Preludi, rivive nel talenti del russo Ashkenazy e del polacco Brechacz. Trasformare il proprio handicap in una vittoria del talento ha reso eccezionali artisti come Quasthoff, Petrucciani, De Sabata. Fagiani, ostriche e vini sopraffini hanno fatto parte della simbologia del cibo cara a Mozart e al suo teatro. Coetanei e geniali: sono scomparsi di recente il clavicembalista Gustav Leonhardt e l´incarnazione di Rachmaninov, Alexis Weissenberg. Al Festival di Sanremo l´orchestra è stabile, è la spina dorsale della tradizione canora e ha una storia non solo leggera.
Nelle pagine iniziali e finali, come sempre, le rubriche: attualità, eventi dal vivo, alla radio e in tv da non perdere, il cartellone e il palinsesto con gli appuntamenti di settembre, un nuovo viaggio musicale a Chicago, città del blues e di Muti, le recensioni di cd, dvd, opere e concerti.