Xenakis Iannis

Braila, 29 maggio 1922/ Parigi, 4 febbraio 2001

Iannis Xenakis fu compositore e architetto; svolse a Atene gli studi musicali e quelli scientifici (ingegneria), e nel ’47 si stabilì a Parigi come architetto nello studio di Le Corbusier, col quale curò l’allestimento di un padiglione dell’Esposzione di Berlino.

Negli stessi anni frequentò in Francia i corsi di composizione di Honegger e Messiaen, diventando in breve uno dei massimi esponenti delle avanguardie musicali.

Ha insegnato al Centre of Mathematical and Automated Music all’Indiana University e in un istituto parigino da lui fondato.

La tecnica compositiva di Xenakis si può definire stocastica, e viene totalmente desunta da modelli matematici.

Da certi punti di vista, i suoi lavori si possono accomunare a certe esperienze di Boulez, da altri punti di vista si potrebbe pensare a certa produzione di Stockhausen, ma il cammino che compie Xenakis è del tutto personale; rimane dunque una delle menti più aperte allo sperimentalismo musicale di tutto il ‘900.

Tra i suoi lavori si devono citare “Metastasis” per orchestra del 1954, “Achorripsis” per 21 strumenti del 1957, “Orient-Occident” per suoni elettronici del 1960.

Prodotti consigliati
222 - Novembre 2017
Classic Voice
04 - Wagner
Opera Gold
24 - Ariosto e la musica
Classic Antiqua