Poulenc La voix humaine, Sinfonietta

soprano Véronique Gens
direttore Alexandre Bloch
orchestra National de Lille
cd Alpha 899

Testo ruffianissimo, sappiamo: e come tale, veicolo formidabile per le grandi mattatrici del teatro. Poulenc, nel musicarlo tal quale, è riuscito non solo a conservarne tutta la ruffiana sapienza (Cocteau lo complimentò affermando “hai fissato una volta per tutte il come dire il mio testo”), ma addirittura a potenziarla grazie alla musica, che riveste ogni fonema creandogli attorno un’atmosfera di languida, snervata, disperata sensualità.
Ovvio quindi che sia tutta questione di parola e, in teatro, di gesto: ottanta minuti sola in scena, la protagonista deve vedersela con frasi per nulla facili da articolare lungo un arco drammatico nel quale ogni scarto o rilassamento risulta fatale. Tra le italiane, io mi ricordo ci siano riuscite appieno solo la raffinatissima Graziella Sciutti e la più carnosa Antonacci: ma di gran lunga più numerose le madrelingua, al seguito della favolosa Denise Duval per la quale Poulenc concepì la sua Elle.
Véronique Gens, accompagnata superbamente, è a mio parere magnifica: dizione da Comédie Française (non lo dico io, lo affermano i francesi, che si sa quanto siano schizzinosi con la loro lingua: almeno quanto non lo sono allorché un francese massacra l’italiano), sensibilità acutissima nel fraseggiare tenendo sempre in tensione il franto articolarsi del discorso, lungo una linea di morbidezza e luminosità stupende (e se il Do è appena toccato, l’accento fa credere sia giusto solo così).
Completa il cd i venti minuti della Sinfonietta: brano poco noto, risultato di un abortito quartetto d’archi e nel quale figurano molti autoimprestiti, nel quale verve, sapienza di scrittura, brillìo di impasti sonori lo rendono compagno di delizie della Classica di Prokofiev.
Elvio Giudici


Prodotti consigliati
297 Febbraio 2024
Classic Voice