Il destino bussa al Policlinico Gemelli

Medici alle prese con Beethoven e Schubert

Il destino bussa al Policlinico Gemelli Massimo Ferrucci, medico sui generis in quanto fondatore di un’orchestra composta in parte da colleghi e studenti di medicina, annuncia un evento particolare per il prossimo 7 novembre (ore 21) presso il Policlinico Gemelli di Roma (Auditorium della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore): un concerto straordinario di inaugurazione della nuova stagione 2012/2013 dei Concerti del Mercoledì, alla presenza di tutte le alte cariche accademiche e religiose dell’ateneo romano. Il Programma prevede, di Beethoven l’Egmont Overture op. 84; di Schubert l’ottava sinfonia in si minore incompiuta; ancora di Beethoven la Quinta in do minore, segnata da quell’incipit a due note (in levare tre sol che posano sul mi bemolle, quinta e  terza della triade minore della tonalità in cui è stata composta, vedi immagine) che l’hanno fatta tradizionalmente soprannominare la sinfonia del "destino che bussa alla porta". Sul podio sale Alessio Allegrini, che quest’anno torna a dirigere nella Università Cattolica dopo il successo dello scorso anno con la Nona di Beethoven. Per quanto riguarda l’Orchestra, si tratta di un piccolo miracolo, nel senso che è formata da prime parti di importanti orchestre Italiane, da musicisti di chiara fama affiancati da alcuni medici e studenti del Policlinico, che hanno fondato da alcuni anni un’Orchestra Sinfonica Giovanile. Una fusione tra musicisti e medici che tolgono il camice per indossare gli abiti da concerto. Il pubblico, perlopiù di giovani studenti e specializzandi della Facoltà di Medicina e Chirurgia, partecipa così sia a eventi speciali come quello serale del 7 novembre, sia ai concerti che ogni mercoledì pomeriggio vengono organizzati nella hall del policlinico per i malati dando occasione ai giovani studenti dei conservatori del Lazio di fare musica con un vero pubblico.

26 ottobre 2012


Prodotti consigliati
270 Novembre 2021
Classic Voice