Bucchi, Berio Gentilucci Donatoni Al telaio del tempo

clarinetto Gian Maria Matteucci
cd Stradivarius STR 37240

Un eccellente solista di clarinetto propone quattro autori nella cui produzione il suo strumento ha avuto un posto di rilievo. Valentino Bucchi (1916-1976) aveva scritto per Ciro Scarponi nel 1969 il Concerto per clarinetto solo (1969) in cui in meno di sette minuti si succedono quattro movimenti che formano un tutto unitario con grande varietà e vena virtuosistica. Luciano Berio, che nato nel 1925 appartiene già a una nuova generazione, scrisse per clarinetto un Lied nel 1983, preceduto dall’ampio e complesso respiro melodico della Sequenza IX (1980), che è dell’epoca della Vera storia.
Insieme a Berio l’autore più conosciuto è Franco Donatoni, qui assai ben rappresentato dagli estri mobilissimi dei due pezzi di Clair (1980). Di poco successivo, del 1983, è il pezzo di Armando Gentilucci (1939-89) che dà il suggestivo titolo al cd, Al telaio del tempo, e che si caratterizza per la nobiltà meditativa che appartiene alla maturità del compositore.
Dello stesso Gentilucci sono il breve Frammento e la brevissima Melodia, del 1989, l’anno della morte prematura. Si ascolta con emozione la Melodia che fu scritta in ospedale il 15 ottobre 1989. Le interpretazioni di Gian Maria Matteucci sono impeccabili nella sicurezza virtuosistica e nella musicalità.
Paolo Petazzi


Prodotti consigliati