Ciaikovskij – Marcia Slava Manfred op.58

orchestra City of Birmingham Symphony
direttore  Andris Nelsons
cd Orfeo C895 151 A

 

Marcia-Slava

Si tratta di una registrazione live realizzata nel settembre 2013 che testimonia il grado di adesione dell’orchestra britannica con il suo direttore stabile, nella naturalezza del diramarsi di un gioco strumentale così ricco quale quello affiorante dalla scrittura ciaikovskijana.
Andris Nelsons, che significativamente era entrato nella rosa dei candidati alla direzione dei Berliner, rivela qui le sue qualità più connaturate, nel confronto con un autore appartenente alle proprie radici, nutrite dalla lezione di Mariss Jansons. Qualità che avevano trovato una particolare evidenza nelle esibizioni di Nelsons al Festival di Lucerna, a fianco di Abbado che sarà poi chiamato a sostituire dopo la dolorosa scomparsa. Si intrecciano nella visione del direttore di Riga due linee particolari che ne definiscono la personalità, una chiarezza di pronuncia e un’eleganza di tratto unite ad una intensa tensione espressiva, ingredienti rari che proteggono Ciaikovskij da quei rischi dell’enfasi cui non sfuggono molti esecutori. È il modo, appunto, di entrare nelle ragioni più segrete di questo autore, vincendo le ambiguità che ancora gravano su un’opera come Manfred che Ciaikovskij scrisse con passione, pur sentendosi “triste e abbattuto spiritualmente” – come confessava alla sua ninfa egeria Nadiezda von Meck – sotto la suggestione del poema di Byron. L’interrogativo se si tratti di poema sinfonico o di vera e propria sinfonia diventa superfluo in una lettura come quella di Nelsons, per la scioltezza narrativa con cui disegna il percorso drammatico, dal clima lugubre dell’inizio, alla freschezza danzante dello Scherzo, la visione pastorale dell’Andante con moto, fino all’esaltante finale dove lo straordinario virtuosismo orchestrale sembra sublimarsi.
Gian Paolo Minardi

 

 


Prodotti consigliati
301 Giugno 2024
Classic Voice