Puccini – Madama Butterfly

interpreti E. Jaho, M. Puente, E. Deshong, S. Hendricks, C. Bosi
direttore Antonio Pappano
orchestra Covent Garden
regia Moshe Leiser e Patrice Caurier
regia video Matthew Woodward
sottotitoli  Ing., Fr., Ted., Giap, Cor.
dvd Opus Arte 1268D 
prezzo 29,90

 

Lo spettacolo nasce nel 2003, e nasce già parecchio datato. Scena fissa, oggettistica molto Ikea-chic, pareti di carta che scivolano mostrando foto d’epoca o verzura variamente colorata, ma soprattutto gestualità oltremodo risaputa ricalcata sulle mossettine e corsette a piccoli passettini, tutto molto –ino per i giapponesi (come da immarcescibile tradizione) e molto enfatico per i due americani. Attorno alla protagonista tutti comunque attori abbastanza modesti con l’eccezione di Carlo Bosi, sempre eccezionale oltre che cantante capace di dare alle parti di carattere cui si dedica spessore ancora inedito, e che di Goro fa puntualmente uno dei maggiori tra i suoi molteplici capolavori.
Pappano non dice granché di nuovo, ma lo dice benissimo. Soprattutto, però, è un grande accompagnatore, di quelli che conoscono i problemi del canto e concertano in modo da valorizzarlo senza per questo trascurare i valori strumentali: prerogativa preziosa sempre, ma essenziale in Puccini. Senza la sua provvidenziale bacchetta, questo spettacolo collasserebbe sotto il peso dei molti problemi dati da una compagnia alquanto sbilenca.
Ermonela Jaho è una di quelle tipiche cantanti fatte per dividere. Sicuramente grande artista, quantunque non poi così eccelsa come da più parti si sente sostenere: se la pronuncia è ottima, la dizione è un po’ nebulosa ma sorretta da una grande attenzione nel colorire ogni frase, nel tentare di creare un sofisticato gioco d’accenti. Dico tentare, perché per costruire un’ampia tavolozza accentale occorre lavorare sulla dinamica: cosa che esige senz’altro la fantasia e l’intelligenza per sapere come e dove metterla in azione, ma anche un controllo assoluto del dosaggio del fiato per poterlo poi realizzare. La Jaho sa sempre cosa fare, ma la voce è quella che è: piccola e magretta al centro, con acuti costantemente striduli se lanciati di forza e con gravi che sono solo aria calda. Ha l’intelligenza di non aprire troppo il suono in basso e cerca di mantenere morbida l’emissione, ma ci riesce solo saltuariamente: lavora quindi di sottrazione rifugiandosi tutte le volte che può (e più spesso di quanto drammaturgicamente dovrebbe) nella tipica emissione “soffiata” che cerca d’imitare certi eterni ed eterei filati Caballé-style spoggiando il fiato, ma senza la sua suprema abilità nel renderlo comunque penetrante e suggestivo. Lo faceva anche la Ricciarelli, certo, e il pericolo era sempre in agguato: ma il suo tesoro timbrico riusciva di ben altro effetto, e i suoi acuti avevano tutt’altre radiosità e pienezza. E insomma abbiamo, tra direzione regia e canto, la consueta Butterfly nella quale il puccinismo occhieggia spesso dietro l’angolo e ogni tanto (in ispecie, nel prim’atto e questo non sarebbe una novità; ma talora anche nel secondo) fastidiosamente svolta, senza che la progressione psicologica su cui corre la protagonista – e che dovrebbe costituire la spina dorsale d’una moderna drammaturgia dell’opera – sia mai non dico realizzata, ma neppure tentata.
La regia video di Mancini, esemplare, valorizza la mimica facciale della Jaho, senza dubbio notevole. Sicché il fastidio di tante note acute così fisse e stridenti viene ogni tanto compensato sia dalla giustezza dell’accento sia dall’espressività del volto, quantunque nulla si possa fare di fronte a certe penose cadute di gusto, come il farle andar su e giù le braccia onde assimilarla a farfalla svolazzante e morente: il finale, da questo punto di vista, è a mio avviso terribile.
Marcelo Puente è gradevole a vedersi e tollerabile a sentirsi quando la scrittura ne impegna il registro centrale mettendo in evidenza il suo bel colore caldo e brunito: acuti molto alla viva il parroco, invece, e accento quanto mai generico. Se ottima è la Suzuki temperamentosa e di solida linea vocale di Elizabeth DeShong, tremendo è lo Sharpless svociato, dall’emissione bloccata in gola e quindi incapace di modulare una linea dura come pietra. E il coro, stranamente, stavolta canta proprio maluccio.
Elvio Giudici

 

Su “Classic Voice” di carta o in digitale c’è molto di più. Scoprilo tutti i mesi in edicola o su www.classicvoice.com/riviste.html

 

 

 

 

 

 

 

Prodotti consigliati
238 - Marzo 2019
Classic Voice
237 - Febbraio 2019
Classic Voice