Scala: direttore cercasi

Daniele Gatti era in pole position. Poi la doccia fredda dei fischi

Scala: direttore cercasi Alla Scala impazza il totodirettore. Fuori dall’edificio non si sente nulla. Ma nelle segrete stanze della Sovrintendenza pare si ragioni a ritmo serrato sul profilo del successore di Riccardo Muti. Da quel lontano 2005 che vide la dimissioni del maestro pugliese, infatti, la leadership del teatro è stata una (il Sovrintendente Lissner) e trina (la trimurti direttoriale Chailly, Gatti, Barenboim, quest’ultimo più  di tutti in virtù dell’incarico di “maestro scaligero”). Uno, tre, alla fine nessuno, come si è rilevato nell’ultima vicenda della sostituzione del tenore della “prima” all’ultimo momento. Tra i candidati in lizza (Gatti, Chailly e Pappano), raffreddatasi la candidatura Chailly e allontanatasi quella di Antony-Tony Pappano (vuole restare fino al 2013 al Covent Garden di Londra e a Santa Cecilia), aveva preso quota quella di Daniele Gatti. Per questo i fischi al maestro milanese, salito sul podio del Don Carlo, sono piovuti come una doccia gelata su Lissner. E ora? Tutte le attenzioni sono rivolte all’esito delle prossime repliche dell’opera inaugurale. Tornati a casa fischiatori (si dice che fossero estranei al “corpo” storico del loggione: fan del tenore licenziato? Mutiani incalliti? I più fantasiosi parlano addirittura di manovre della massoneria…), si spera in un esito meno contrastato, che possa aprire la strada alla nomina di Gatti. Ma è il momento giusto? Ed è lui il candidato indicato? La palla passa così di nuovo a Lissner. È lui che deve decidere, sentito il parere dei professori d’orchestra. Al di là dei fischi sibilanti e delle critiche più o meno sferzanti. E degli interventi da foyer. Come nella migliore tradizione italiana la formazione la discutono tutti. Poi però la deve fare uno solo. (10 dicembre 2008)


Prodotti consigliati
282 Novembre 2022
Classic Voice