Un’isola della Senna dedicata alla musica

Terzo nuovo grande centro musicale parigino. Tra i suoi ospiti fissi il controtenore Philippe Jaroussky

senna musicaleNon c’è due senza tre. Dopo la Cité de la musique et la Philharmonie all’est di Parigi, nasce La Seine musicale all’ovest. Dopo un primo pre-concerto di Bob Dylan il 21 aprile, appena inaugurata ufficialmente, la nuova “casa della musica”, che occupa l’ex officina Renault dell’Ile Seguin. Ci sono voluti quattro anni di lavori, condotti dagli architetti Shigeru Ban e Jean de Gastines, per creare uno spazio molteplice, con due auditorium, sale per le prove, ma anche ristoranti e bar.
Il nuovo auditorium, che può arrivare a contenere fino a 6000 spettatori, si vede da lontano. Con una forma che pare volere ricordare quella di una vela ammainata. Una altra sala più piccola, di circa 400 posti, sarà pure a disposizione degli artisti che, secondo  i programmi e le formazioni, porranno passare da uno spazio all’altro. Perché la Seine musicale non vuole scegliere: tutti i generi saranno rappresentati con un’attenzione costante per il pubblico dei più giovani. Per coordinare un tale progetto multiforme è stato chiamato Jean-Luc Choplin, che fino a qualche mese fa ha diretto lo Châtelet che grazie a lui è diventato il centro parigino del musical di Broadway. Comunque, la Seine la si vuole come uno spazio di vita: per questo il pubblico vi troverà centri di ristoro, ma potrà pure divagare, magari assistendo alle prove che si svolgeranno in sale con vetrate attraverso le quali curiosare.
La-Seine-Musicale-5-Auditorium---630x405---©-Shigeru-Ban-Architects-Europe-Jean-de-Gastines-ArchitectesSe gli artisti variano secondo le scelte di Choplin, alcuni vi avranno fissa dimora. Almeno due progetti stabili vanno citati. Innanzi tutto, la presenza di Laurence Equilbey, che si porta dietro Insula orchestra (un nuovo ensemble su strumenti d’epoca) e il coro Accentus. Anche di casa, sarà il più celebre dei contro-tenori, Philippe Jaroussky. Che lancia una sua accademia destinata a giovani e giovanissimi cantanti. Jaroussky vuole iniziare alla scena i cantanti in erba, specie quelli che non hanno soldi per pagarsi un corso di canto. Quelli tra i 18 e i 25 anni possono mandare ancora i loro curricula per cominciare le lezioni il 30 aprile. I più piccoli, 7-12 anni, possono iscriversi fino al 31 maggio. Sicuramente, della Seine musicale sentiremo molto parlare nei prossimi tempi.

Alessandro Di Profio

Prodotti consigliati
222 - Novembre 2017
Classic Voice
04 - Wagner
Opera Gold