Bruckner Missa solemnis

soprano Johanna Winkel
contralto Sophie Harmsen
tenore Sebastian Kohlhepp
baritono Ludwig Mittelhammer
direttore Lukasz Borowicz
coro Rias Kammerchor
orchestra Akademie für alte Musik Berlin
cd Accentus ACC 30429
prezzo 16,60

 

Sette Messe, altri 7 lavori per soli, coro e orchestra, 22 pezzi corali con orchestra, 23 Mottetti, 9 opere corali profane, 13 per coro e strumenti, 28 per coro maschile a cappella, 10 per ensemble cameristico, 16 Lieder tra sacri e profani, 19 pezzi per pianoforte e 24 per organo; infine le 9 + 2 Sinfonie: il lascito bruckneriano è molto, molto più esteso di quanto si tenda a ricordare. E ciò dipende dal fatto che solo le Sinfonie e un paio di Messe, il Te Deum e il Tantum Ergo godono di discreta circolazione, mentre un’ampia fetta di questo mare magnum non è nemmeno pubblicata. Vi sta tuttavia provvedendo con serietà metodologica e caparbietà teutonica la nuova Bruckner Edition di Vienna. Man mano che questa musica tornerà alla luce, la gloriosa Akademie für alte Musik si è assunta l’onere di eseguirla e inciderla. E tra i primi frutti di questa impresa degna di ogni lode appare ora per Accentus questa finora sconosciuta Missa solemnis in Si bemolle maggiore WAB29 per quartetto d’archi, coro misto, organo e orchestra che Bruckner aveva composto nel 1854 ed eseguito a St. Florian l’8 agosto di quell’anno in occasione dell’insediamento del prelato Friedrich Mayr.
Da filologi coscienziosi quali sono, quelli della Akademie berlinese hanno trovato nell’archivio della chiesa di Linz una serie di documenti relativi alla prima esecuzione della Messa. Non solo dunque suonano su strumenti della metà dell’Ottocento, ma utilizzano lo stesso organico di cui poté disporre l’autore. Il coro misto a quattro parti è formato da 10 esecutori per registro, mentre gli archi dell’orchestra sono 6+6+4+4+2. Oltre alle parti canoniche della Messa (“solemnis” in quanto le cinque parti sono disposte in 15 numeri), hanno inoltre inciso i tre brani eseguiti in quella occasione a corredo della Messa vera e propria, ossia un Graduale di Robert Führer, un Offertorium di Joseph Eybler e un Te Deum di Johann Baptist Gänsbacher. Consona agli standard esecutivi dell’epoca è inoltre la scelta di non “italianizzare” la pronuncia del testo latino ma di accordarsi alle abitudini dei monasteri austriaci, dove per esempio il verbo “ascendit” veniva sillabato nella forma “as-cen-dit” anziché “a-scen-dit”.
Il risultato è eccellente. Stupendo. E incredibilmente sorprendente se si considera che non siamo di fronte al Brucker dai contrappunti densi e dalle armonie inattese delle Messe posteriori ma a un Bruckner mediterraneo, si direbbe “italiano”, per la leggerezza e l’ariosa trasparenza di un tessuto musicale straordinariamente luminoso. Pochi stretti, pochi artifici armonici: in questo Bruckner prevale la ricerca di un canto morbido e slanciato che non è mai in contraddizione con la severa spiritualità che pure traspare in questa Messa. Conseguentemente a tali assunti le voci del quartetto di solisti qui scritturati sono piccole, intonate, ottimamente predisposte alla scrittura melodica.
Insomma, sono numerose le ragioni per le quali questo disco merita ogni considerazione, da tutti i punti di vista.
Enrico Girardi

 

 

Nel mensile “Classic Voice” di carta o in digitale c’è molto di più. Scoprilo in edicola o su www.classicvoice.com/riviste.html

 

 

Prodotti consigliati
232 - Settembre 2018
Classic Voice