Anglo-Madrid

Al Teatro Real “Gloriana” di Britten approda per la prima volta in terra iberica

Inghilterra chiama Spagna, almeno a teatro. Già, perché dal 12 al 24 aprile sul palcoscenico del Teatro Real di Madrid fa la sua comparsa una delle opere drammatiche meno conosciute di Benjamin Britten, Gloriana, oggi rappresentata per la prima volta in assoluto in terra iberica. A tessere le fila di una trama storica sviluppata su tre atti che pone al centro della vicenda la regina Elisabetta I è oggi il 52enne scozzese sir David McVicar, regista in grado di mettere d’accordo sempre tutti grazie ad ambientazioni tradizionali in cui servire una recitazione altamente moderna. Ma un altro debutto assoluto in questa Gloriana è quello della sua protagonista, Anna Caterina Antonacci, cantante diventata, fra l’altro, una vera e propria icona di McVicar come Cassandre nell’allestimento, già cult, de Les Troyens di Hector Berlioz. In coproduzione con l’English National Opera, questa odierna messinscena di Gloriana, composta da Britten per l’incoronazione della regina Elisabetta II nel giugno 1953, è diretta da Ivor Bolton e completata nel cast dalle voci di Leonardo Capalbo, Sophie Bevan, Paula Murrihy e Duncan Rock. Sul palco si racconta della sovrana attratta da Roberto Devereux, conte di Essex, pur restando consapevole che la sua prima lealtà deve essere in assoluto quella per il suo Paese, l’Inghilterra, e per i suoi sudditi. Devereux la prega di lasciarlo comandare l’esercito in Irlanda per contrastare la ribellione guidata dal conte di Tyrone. Dopo molte discussioni, la regina cede alla sua volontà che lo vedrà però poi amaramente sconfitto in battaglia. Un vero e proprio evento musicale questa prima spagnola di Gloriana, che rischia però di non essere l’unico appuntamento culturale d’importanza nella capitale iberica. Ad attirare infatti è anche un carnet di mostre che aprono proprio nello stesso periodo. A cominciare dal Museo del Prado dove s’inaugurano due mostre importanti come, il 10 aprile, Rubens. Pittore di bozzetti con un’ampia selezione di alcune delle bozze realizzate dall’artista barocco e, il 17 aprile, Pittori su pietra, mostra che, fino al 5 agosto, vede esposte opere realizzate da Tiziano e da altri pittori rinascimentali italiani su ardesia e marmo bianco. Da non perdere anche al CaixaForum, Warhol. El arte mecánico, la più importante retrospettiva finora realizzata in Spagna sull’icona della cultura pop con 350 opere comprendenti le sue opere più iconiche come le lattine di minestra Campbell, i ritratti di Marilyn Monroe o le Brillo Boxes. Ma il mese di aprile invita anche il visitatore all’aria aperta per scoprire le bellezze architettoniche e paesaggistiche di questa Ciudad, dal suo Palazzo Reale a Puerta del Sol, da Plaza Mayor al Paseo del Prado fino al Parco del Retiro, e i suoi dintorni. Tra questi merita sicuramente Alcalá de Henares, la deliziosa cittadina a 31 chilometri da Madrid, conosciuta per l’antica università storica, visitabile al suo interno, e che diede i natali allo scrittore Miguel de Cervantes. Mentre a Madrid può essere divertente curiosare tra le bancarelle del Rastro, l’enorme mercato all’aperto di Calle de Ribera de Curtidores ed in vie adiacenti dove si può trovare di tutto, dall’abbigliamento ai dischi, in un eccellente rapporto qualità-prezzo. (Antonio Garbisa)

 

Su “Classic Voice” di carta o in digitale c’è molto di più. Scoprilo tutti i mesi in edicola o su www.classicvoice.com/riviste.html

 

 

 

 

Prodotti consigliati